Aspettare è ancora un'occupazione. È non aspettare niente che è terribile.
(Cesare Pavese)



loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

Il tormentone del furto di idee

16-05-2017

Noi che operiamo nel mondo della creatività siamo centrali di idee. 
L'osservazione e la curiosità ci rende fruttuosi. Studiamo, viaggiamo, spendiamo molto in ricerca, giorno e notte: è questo che rende forte il nostro lavoro, non certo macchine e computer. 
C'è un mondo, però, dove questo vivace ambiente non esiste! Le idee scarseggiano, i numeri per il business non sono così fertili, ma il potenziale economico (cosa che ai creativi non interessa) è davvero impressionante. 
E mentre io fatico nel procurarmi i mezzi per esprimere al meglio il mio lavoro, questo mondo potrebbe attrezzarsi con un semplice cenno, senza difficoltà e meglio di quanto io abbia saputo fare nella mia intera carriera professionale (e, come attrezzatura, non sono secondo a nessuno nel mio settore!!!).

Negli ultimi anni anni è nata una nuova pratica negli uomini di business/marketing. 
Mancano idee? Facile, basta rubarle! Un'appropriazione silenziosa e inattaccabile. 
Funziona così: ti chiamano, ti offrono elogi e pranzi, ti fanno capire che se esprimi buone idee, ti daranno una fetta corposa della loro torta, poi quando hanno capito di aver spremuto al massimo il pollo creativo (ma possono andare avanti per settimane, a volte!), ti ringraziano e ti dicono "valuteremo”...
E poi, come continua la storia? 
Indicono una riunione, danno sfoggio di una LORO grande idea assegnando i compiti a più interni possibili, ricorrendo ad esterni - puri esecutori - solo se necessario, ma da quel momento TU e la tua grande elogiata professionalità non esistete più.

Ed è così che il mondo creativo muore, lasciando spazio al mondo finanziario. 
Riconoscerli? Non è facile, ma se quando esprimi idee nuove che loro non hanno sviluppato, con informazioni che loro non potevano avere, ti dicono che "ci avevano già pensato e ci stanno lavorando", questo è indice netto di furto premeditato. Quindi, non dite altro! 
Difendersi? Impossibile, ma se a voi capita di percepire l'approccio del ladro in giacca e cravatta, lasciate perdere, usate il vostro tempo in maniera diversa, lasciate a qualche altro sprovveduto l'illusione di un possibile lavoro, esprimete idee solo a chi vi dà già da lavorare. Magari se ne approprierà anche questo, lo so, ma in fondo è più tollerabile: non usa la mano solo per togliere.