Se non ci metterà troppo, l'aspetterò tutta la vita.
(Oscar Wilde)



loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

La meraviglia del mio lavoro, forse non la racconto abbastanza…

16-01-2017

Ah, la mia passione per le arti, il mio primo amore! Affondare le mani nella materia, darle vita ed espressione; lavorare la pietra e il legno; ammirare i colori che diventano forme; scoprire rivelazioni di racconti interiori: in tutto ciò, il mio rimpianto per una scuola mai fatta perché giudicata infruttuosa per il mio avvenire. 
Inevitabilmente, tutto ciò si è risvegliato con ardore quando ho dovuto fotografare l’Università delle Arti di Osaka, una grande area dedicata a molteplici arti, dal vetro al video, dal ballo alla musica. In ogni spazio si poteva respirare, ascoltare e toccare l’Essenza della creatività

I nuovi mondi, estremamente attenti alla propria immagine, intendono dare una precisa visione delle attività che propongono e una piccola parte del budget viene spesa per questo. In Italia, invece, a nessuna università verrebbe mai in mente di farsi raccontare ed interpretare con una monografia per promuoversi. Da noi, lo strumento della monografia viene usato solo da imprese private che devono necessariamente confrontarsi con il mercato. Le imprese “pubbliche” scelgono di non confrontarsi… tanto i finanziamenti arrivano lo stesso, provenendo forzatamente dalle nostre tasche! 

Polemiche e politica a parte, serpeggiare libero tra gli edifici dell’Università giapponese, che raccoglievano le arti più impensabili - giardinaggio, robotica, stampa, tessitura - accompagnati dall’immortale profumo dell’olio di lino, è stato supremo!


Una stanza amplificata adatta per le prove di canto e per misurare la propria voce. 


Uno dei molti ingressi dell'Università delle Arti di Osaka. 


Che si tratti di cinema, teatro o opera lirica, il trucco di scena richiede sempre grandissima perizia tecnica.


Talento sartoriale e arte della moda: ecco giovani studenti alla prova in un vero e proprio atelier nel quale esprimere al meglio la loro passione per il taglia e cuci.


L'arte del colore: gli studenti si cimentano nella realizzazione di vere e proprie opere d'arte. 


Presso l’atelier della scuola, si può entrare nel mondo dell’arte lignea e apprendere le nozioni fondamentali per scegliere il tronco giusto e realizzare una forma tridimensionale in legno. 


L’Università di Osaka si propone di dare linfa alle passioni artistiche dei suoi giovani allievi, coltivandone il talento. 
L’arte del giardinaggio insegna la coltivazione indoor, la cura dell’orto e delle specie più delicate come i bonsai, ma offre anche indicazioni botaniche e consigli erboristici.


Una lezione di design tenuta da un grande insegnante e amico.


Scuola di robotica: il futuro si impara sui banchi. 


L'arte di disegnare fumetti: nuovi strumenti per nuovi concept creativi. 


L'ampia biblioteca dell'Università delle Arti di Osaka. 


Il teatro all'interno dell'Università: grande e imponente non ha nulla da invidiare ai nostri migliori teatri d'arte. 


La professione del tecnico del suono non richiede solo passione e impegno, ma ore e ore di prove per imparare a manipolare il suono, sia in una performance artistica live che in fase di post produzione.


L'alta tecnologia nelle mani di futuri sound designer.  


Presso l'Università delle Arti di Osaka si tengono anche corsi di danza classica. 


Imparare a fare del sano intrattenimento televisivo non è da tutti.


Un momento di pausa per la band dell'Università delle Arti di Osaka.