Aspettare è ancora un'occupazione. È non aspettare niente che è terribile.
(Cesare Pavese)



loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

La meraviglia del mio lavoro, forse non la racconto abbastanza…

06-12-2016

Questo servizio fotografico risale al 2010. Al ritmo con cui vanno le cose nel mondo della comunicazione, sembra una vita fa. Questo è il suo racconto. 
Scegliere i propri clienti è un fatto essenziale. Preferire stranieri, magari giapponesi piuttosto che russi, comporta soddisfare le esigenze diverse, in progettazione come in comunicazione. 
L’albergatore sa chi è il cliente più adatto alle sue esigenze, ma a partire dal progetto (se il cliente lo vuoi giapponese devi progettare un bagno giapponese, se lo vuoi  americano devi avere letti king, etc…) per poi finire alla comunicazione, devi con coerenza ed attenzione fornire le informazioni necessarie per quel target. 
L’hotel Cangrande, nel cuore di Lazise, vecchio paese fortificato lungo le sponde del Garda, mi chiama per creare i contenuti visivi del proprio sito. 
Io capisco che vuole clienti che costantemente soggiornino con discrezione nell’hotel e che ha individuato in un ideale target di pensionati il proprio cliente migliore. Questo all’origine della scelta che vede protagonisti una coppia giovanile e sportiva non più giovane. 
Noi (i comunicatori) siamo sempre un po’ reticenti ad alzare l’età dei nostri modelli, si sa che a una certa età ci identifichiamo più facilmente nei giovani (entro certi limiti), ma, se ci rivolgiamo decisi ad un target alto di età, vedere persone agili e giovanili può diventare addirittura rassicurante. 
Mostrare una struttura al meglio, senza creare false aspettative, è una base inalienabile. I clienti vanno attratti, ma mai delusi. Non si può mai andare contro il più potente veicolo pubblicitario: il passaparola
Se nessuno è addetto ai bagagli, il cliente deve provvedere da sé ed è importante mostrare queste piccolezze, magari alleggerendone il peso con un sorriso.
Ma tutto quello che è flessibile, diventa potente messaggio subliminale. Poco importa se non lustra gli occhi. 
Credo che la buona riuscita di questo servizio sia raccontata, più che dalle fotografie, dal fatto che tutt’oggi, dopo ben 6 anni, sono ancora le immagini usate nel loro sito. 



1. Una privatissima passeggiata tra i vigneti proprietà dell’hotel Cangrande. 

2. Di questo scatto realizzato in una camera, conta moltissimo la pulizia e l’aria gentile del personale.  

3. Le sono camere particolari, tradizionali e con un'ampia terrazza. 

4. Qui mostro l'ampia terrazza di una delle camere dell'hotel Cangrande. 

5. La sala da pranzo allestita per una compagnia. 

6. Quello che offre la colazione non è sempre scontato.

7. Se nessuno è addetto ai bagagli il cliente deve provvedere da sé ed è importante mostrare con sincerità queste piccole negatività alleggerendone magari il peso con un sorriso. 

8. Le grandi botti della vera cantina raccontano un vero produttore. 

9. Il lago di Garda rende magico ogni luogo. 

10. Ho fotografato una barca per l'antica e dolce poesia che esprime. 

11. Una cittadina che lascia circolare un tandem è un posto dove il turista è desiderato. 

12. Una panoramica dell’hotel alla sera, un luogo tranquillo ma vivo.