Le cose lente sono le più belle. Bisogna sapere aspettare.




loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

La meraviglia del mio lavoro, forse non la racconto abbastanza…

29-11-2016

Poltronieri, azienda produttrice di salumi di alta qualità ma certo un po’ piccola per sostenere la comunicazione che oggi richiede il mercato, tuttavia mostrare la qualità è mostrarsi con qualità (sempre che si abbia ambienti idonei). Il buon clima operoso che regna nel loro laboratorio di Nogara, in provincia di Verona, ha reso semplici riprese di un argomento tendenzialmente scabroso. 
Quello che mi interessava era rendere il clima familiare e dinamico, l’attenta lavorazione e la pulizia. 

Al di là della monografia, successivamente abbiamo stabilito un record impressionante (chi è del settore capisce di cosa parlo): il catalogo dei prodotti è stato fatto sul posto, 58 still-life in una giornata, componendo foto per foto. Questo ha reso accessibile ad un prezzo irrisorio un dignitoso catalogo a questi piccoli ma meritevoli artigiani. 
Il mio lavoro è soprattutto valorizzare, è questo il vero guadagno.



1. Mostrare la pulizia passa attraverso i gesti: più sono visibili e spettacolari, maggiore sarà il messaggio forte per chi guarda. 
Già solo in un’occhiata, si capisce che il laboratorio di Poltronieri viene trattato con energia.



2. Uffici di modeste dimensioni non vanno raccontati, va raccontato invece la pronta e attiva presenza del personale in un’azione. 
Ho interpretato la risposta telefonica in senso attivo di chi raccoglie gli ordini e prepara le partenze.



3. Energia, velocità, azione. 
In quest’immagine ancora non mi soffermo sulla materia prima (sempre difficile da “digerire”) ma porto tutto in azione.



4. La consegna. Un’immagine rubata di nascosto del corriere che esprime, nel suo sguardo verso di me, l’attenzione che dedica ad ogni suo gesto a garanzia del cliente.



5. La qualità del prodotto è la qualità della materia prima, drammatica e sdrammatizzata, da un percepito sorriso di chi la tratta con disinvoltura, fuoco sul soggetto, ma la presenza umana è ancora più importante nella lettura.



6. Do sempre importanza alla famiglia, grande valore del prezioso e unico mercato italiano, tradizione che sembra sopravvivere all’invadente crescita del commercio multinazionale.



7. Una panoramica delle celle di stagionatura. Volutamente la ripresa nella sinistra taglia le porte per lasciare libera interpretazione a chi guarda. 
Potrebbe essere un corridoio infinito o forse finisce li, ma la cella è larga, ricca, misurata da una discreta presenza umana.



8. Uno still life della produzione ambientato nella casa di campagna, luogo d’origine della tradizione in cui la famiglia Poltronieri ha sviluppato la sua attività.