Se non ci metterà troppo, l'aspetterò tutta la vita.
(Oscar Wilde)



loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

Fotografia&Design6: Lo storytelling per immagini

15-04-2016

La super produzione è un mostro che divora e consuma tutto, che sciupa e spreca impietosamente. Le aziende continuano in questa corsa produttiva drogate da una richiesta che poi non c'è, non funziona, non vende. La storia urla cambiamento, ma ci sono troppi sordi. Pensare il nuovo, pensare quello che serve, produrre con attenzione e comunicare con ancor maggiore attenzione crea brand, crea aziende dalle basi solide che non vengono soffiate via dal mercato. Ogni prodotto deve essere figlio del pensiero, della filosofia e della poesia, ogni prodotto va raccontato e ci vuole molta energia per fare questo. Siamo ad un punto in cui il bene acquista valore anche sulla base della sua storia. Oggi si chiama storytelling, in realtà concezione da sempre praticata, oggi acquista un valore aggiunto nel panorama della superproduzione perché distingue il vero dal falso, se ci pensate il vero incubo contemporaneo figlio del web, dove vero e falso si compenetrano in una matassa inestricabile. L’amico e internazionale designer Toshiyuki Kita, da sempre attento realmente ai valori del pianeta e alla rivalutazione e conservazione del lavoro artigianale si è spesso fatto affiancare da me e nelle sue ricerche e nella sua comunicazione. Le foto che seguono sono un esempio dei tanti racconti che ho elaborato con lui. Si tratta di una trave presente nelle case tradizionali giapponesi, è una trave che sta nel luogo di preghiera. Come nella natura giapponese tutto viene perfezionato, conserva un sembianza naturale, ma privo dell'aspetto ruvido e sporco che un tronco ha in natura. Il pensiero di Kita è di recuperare questa straordinaria lavorazione che regala  al tronco di cipresso  un piacere tattile, costringendo  chiunque lo tocchi ad accarezzarlo ripetutamente, lo traduce in seduta, una panca, elevandolo con quattro stabili gambe in alluminio che lo rendono assolutamente un oggetto contemporaneo e perfettamente integrabile con ogni arredamento. Seguite la storia.

Un anno prima del  taglio il tronco viene fasciato da striscie irregolari che daranno forma al tronco.


Gli alberi vengono potati per avere fusti dritti, strana professione, un uomo viaggia di alberi in albero per tutto il  suo tempo gestendo una grande quantità di foresta.


I tronchi vengono stoccati ed esposti per la scelta.


Questa è la panca frutto del design di Kita, fotografata in una casa immersa nella foresta composta degli stessi alberi.


La morbida superfice del tronco.


Il paziente e fondamentale lavoro di lisciatura è fatto con le mani e la sabbia del fiume.