Le cose lente sono le più belle. Bisogna sapere aspettare.




loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

Fotografia&Design5: La composizione e il significato delle cose

08-04-2016

Un prodotto va capito a fondo nella sua essenza. Un prodotto è sempre pensato per assolvere ad una funzione equilibrata tra uso ed estetica, ma non solo deve tenere conto di molti altri elementi, trasporti, costi, smaltimento ecc: questa scienza si chiama design. Per un fotografo, la maggior esaltazione, il più potente e indelebile imput arriva dai Designers, sono loro che coinvolti dall'esigenza dell'azienda pensano e creano, e tutto quello che proviene dal loro non facile operato è un prodotto ricco nei suoi contenuti. Non sempre le aziende ricorrono a questo necessario sistema per creare nuovi prodotti e spesso affidano ad artigiani capaci nel lavoro e nelle invenzioni, nuove creazioni, sempre dotate di elementi interessanti, ma povere o senza di una filosofia di ideazione basata sulle esigenze del mercato. La filosofia controlla la vita e come diceva Seneca “la filosofia insegna ad agire, non a parlare”. Lavorare a fianco dei Designers significa essere condotti ad esaltare il pensiero creativo espresso. Riporto fotograficamente una esperienza con immagini particolarmente eloquenti fatte con Roberto Palomba (per Kos), geniale designer che ha saputo offrire generose opportunità anche ad aziende che soffrivano passivamente il mercato. In questo caso la creazione era una vasca di nuova concezione, dalle linee architettoniche e plastiche contemporaneamente, una forma plastica che ospita il corpo, descritta da Roberto come un ventre materno. La fotografia, seguendo questo pensiero, non vacilla e propone una posizione di riposo fetale che ne esalta le forme arrotondate, 


ma la descrizione di un prodotto di valore non si ferma ad una documentazione. Viene proposto il suo senso architettonico anche “nascondendolo” nell'ambiente se necessario, perché il senso del prodotto è questo, è questa immersione nel bianco, nel silenzio di un armonico ambiente dove una morbida decorazione funge da contrappunto estetico, perché il valore estetico è grande. Ogni dettaglio, ogni aspetto di armonia e proporzione può essere minato facilmente da luci, inquadrature, colori e sviluppi. Questo lavoro con Roberto Palomba è stato un lavoro gratificante, gratificante è lanciare un azienda da zero a mille, gratificante perché è creare immagini dotate di una valenza artistica senza tempo.