Non è importante quanto aspetti, ma chi aspetti!
(Tony Curtis)



loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

Yellowstone: viaggio all'interno del paradiso perduto

16-02-2016

Se davvero esiste l'Eden, non può essere diverso da Yellowstone. Prima del mio viaggio, avevo la convinzione che si trattasse semplicemente di una meravigliosa riserva lasciata a testimonianza di com'era il pianeta prima dell'uomo, ma Yellowstone è molto di più. Quel terreno pulsa come un pianeta vivo e sprigiona dai geyser acqua azzurra che si dirama in miriadi di poetici rivoli.
La sua magnificenza si esprime nelle vallate fatte di colori intensi e luci abbaglianti, nei fanghi che sgorgano ripetuti tra i vapori, nei secolari alberi abitati da stormi di uccelli che vivono tra cielo e terra, nell'illuminante sole che riscalda l'ambiente e crea il clima perfetto.


Atmosfera tranquilla del parco di Yellowstone

Ma il suo indubbio fascino è dato dalla presenza di numerose specie di animali, per nulla indisturbati dalla nostra presenza. Non siamo percepiti come il cacciatore che minaccia la loro esistenza, non siamo l'umano crudele che distrugge il territorio. Gli animali ci osservano con curiosità, senza paura o aggressività. Così nasce una convivenza che permette la vicinanza e il contatto.
A Yellowstone si sente il boato della terra che trema sotto ai piedi, scaturito da mandrie di bufali leggendari. Ho quasi accarezzato un cervo talmente grande, che così non lo avevo mai immaginato, e non è difficile incrociare un orso che si fa gli affari propri.


Goat sulle montagne innevate di agosto


Caprioli a spasso nel gigantesco parco di Yellowstone


Bufali in Hayden Valley - Yellowstone

Fate un grande regalo ai vostri figli (prima che vi sfuggano): quando hanno 10 anni portateli a Yellowstone, cosicché possano ammirare come era il mondo prima dell'invasione barbarica degli uomini e prima che quel supervulcano gigantesco, il più potente del pianeta, sollevi i 14 km di crosta terrestre, spazzando via tutto e riequilibrando la vita sull'intero pianeta.
Sarà una vacanza affascinante, ma anche un indelebile ricordo di cosa può essere la Terra senza l'intervento umano. Ormai non ci accorgiamo nemmeno più del degrado ambientale. Dovremmo scrivere ad ogni angolo "Respirare fa male e nuoce gravemente alla salute”, perchè quello che i nostri polmoni inghiottono ogni giorno è davvero malefico, addirittura peggio dell'equivalente di un pacchetto di sigarette. Anche il nostro sguardo si ammala e non distinguiamo più la bellezza. Le case ed i capannoni industriali contrastano con la natura. Il pianeta sta appassendo, ma non facciamo nulla per invertire la rotta e dare ai nostri figli la speranza di non vivere in un ostile paesaggio post-atomico.


Il cuore pulsante del supervulcano più grande del mondo

Yellowstone racconta tutto questo e dopo averlo vissuto vi resterà impresso nella memoria per la sua bellezza, la sua varietà e la sua sterminata pace.
Non è proprio facilissimo da raggiungere: noi siamo atterrati a Soltlake City e da lì sono circa 400-500 km. Yellowstone si trova a cavallo tra Idaho, Montana e Wyoming (che è uno tra gli Stati più belli del nord America), per cui anche in viaggio non ci si annoia mai.
Buona scoperta!


Mammoth Hot Springs