Le cose lente sono le più belle. Bisogna sapere aspettare.




loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

"Fotografare bene è facile": focus 11

10-12-2015

Profondità con la luce



Still life realizzato per Ceramiche Dal Prà. La profondità in questo ambiente fiabesco non era realizzabile con la prospettiva, ogni oggetto ha dimensioni diverse ed irriconoscibili, l’ho raccontata quindi con la luce: primo piano scuro, profondità chiara e sovrapposizione con stacco.

La maniera più intrigante per creare profondità è senza dubbio la luce, un attento studio che permette di staccare i piani. I piani si sovrappongono, e in questa maniera si “sente” il dietro e il davanti, si crea un effetto 3D, ma per non fondere i piani diversi, spesso c'è bisogno di luci diverse, chiari e scuri devono staccare nettamente le distanze, altrimenti abbiamo la percezione che siano sullo stesso piano.

Sappiamo benissimo tutti che se fotografiamo un albero allineato alla testa di un soggetto umano e dotato della stessa intensità luminosa la foto fa ridere, l’albero spunta dalla testa e di solito la foto è da buttare (vale sempre che se si fa con consapevolezza potrebbe essere un capolavoro, la creatività è figlia della sregolatezza, mai dimenticarlo).
Illuminando in maniera diversa, più scuro davanti e più chiaro dietro perfino l’albero più allineato si stacca dalla testa, almeno nel senso della profondità.