Aspettare è ancora un'occupazione. È non aspettare niente che è terribile.
(Cesare Pavese)



loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

“Fotografare bene è facile”: focus 10

04-12-2015

La nebbia

Sembrerebbe banale, ma la nebbia è un gradissimo aiuto nella percezione della profondità, è costantemente usata a livello professionale, anche in dosi poco visibili, anche solo per rendere “fumoso” un ambiente. Quando osserviamo un paesaggio, il pulviscolo atmosferico ci ha abituato da sempre a considerare più lontano quello che è meno nitido, più offuscato, e la nebbia ci regala tutto questo assieme. Ora, ci sono due modi principali: la natura e la macchina della nebbia. Procurarsi una macchina della nebbia oggi è facile e non è molto costoso, per usarla ci vuole un po’ di pazienza, non è facilissimo orientare la nebbia per l'uso che dobbiamo fare e ci vuole flessibilità sapendo cogliere il momento. La possiamo usare sia come intorbidamento dell'aria sia come barriera per cancellare parte della scena, funziona anche come diffusore di luce, la luce diventa più morbida e avvolgente, nel cinema se ne fa un uso costante quando si vuol creare atmosfere avvincenti, e parlando di questo, in movimento, nel creare dimensione, si usa anche la neve o qualcosa che tracci con costante movimento aereo la profondità. Se prendete il coraggio a due mani e vi tuffate nella nebbia naturale fastidiosa e fredda, apprezzerete moltissimo gli straordinari scenari che offre, a parte l’effetto di profondità ricavata senza sforzo, ripulisce il paesaggio avvicinando il soggetto ad una facile composizione, vi assicuro che ne vale la pena, e non accontentatevi degli alberi, dei vicoli, portatevi i vostri modelli e costruite scene, portatevi lampade e accendete fuochi, il risultato difficilmente vi deluderà, fate cose straordinarie per avere risultati straordinari! Scene uniche si sviluppano con le luci dell'alba, quando la luce corre radente sulla nebbia, oppure negli sbalzi termici in presenza di acqua, in alcuni luoghi si forma uno strato basso di nebbia che riveste il paesaggio di mistero e viene impresso dalle ultime luci che incrociano quelle dei fari, dei lampioni...insomma un mondo da raccontare. Altro luogo straordinario dove inseguire questo prezioso assistente è la montagna, vi offre la possibilità di portarvi ai confini del sole, che, prima che venga inghiottito dal continuo flusso, penetra con violenti raggi disegnando nuovi paesaggi, in genere lo spostamento lungo i versanti è rapido e questo offre grandi possibilità di movimento.