Leopardi ha scritto L'infinito mentre era in coda alle Poste.




loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

“Fotografare bene è facile”: focus 8

20-11-2015

ISO

Nell’era analogica si pensava al soggetto, si guardava il cielo e si caricava un rullo di ISO=x e poi, per tutto il prezioso rullo, questo valore restava immutabile e spesso per cambio di condizioni repentine si adottavano due macchine.

Il digitale ha trasformato radicalmente le cose, gli ISO si cambiano anche per un solo “fotogramma”e se prima la corretta esposizione si giocava nella sinergica collaborazione tra tempi e diaframmi, ora si gioca a tre tempi diaframmi e ISO.





Skyline notturno di Pechino

Il ritardo nelle fotocamere di dare valore primario a questo triangolo è impressionante, ancora oggi si va al menu di gran parte delle fotocamere per stabilire gli ISO come fossero un valore da lasciare fisso.
NO! Consideratelo un valore altamente variabile, che vi può regalare immagini straordinarie. La pellicola ad alta sensibilità aveva la “grana”, l’immagine digitale ha il “rumore”, ma in entrambi i casi se il soggetto è potente non sarà questo a penalizzare la foto.