Le cose lente sono le più belle. Bisogna sapere aspettare.




loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

“Fotografare bene è facile”: focus 5

23-10-2015

Tempi e diaframmi

Noiosissimo questo gradino, ma non posso saltarlo, in rispetto di chi si avvicina alla fotografia per la prima volta, in caso tralasciatelo voi. Tempi e diaframmi rappresentano da sempre il cervello della meccanica fotografica: il diaframma è il meccanismo che riduce o regola l'ingresso di luce, invece il tempo stabilisce la velocità di apertura dell'otturatore. Creare una fotografia è come riempire d’acqua una bacinella, si apre al massimo il rubinetto (diaframma aperto) e il contenitore si riempie in un tempo breve, mentre quando si chiude il rubinetto, il tempo per riempire la bacinella aumenta. La proporzione è altrettanto semplice in fotografia, ogni volta che dimezzo il flusso raddoppio il tempo, né più né meno di quello che succede per la luce nella fotocamera. Se chiudiamo un diaframma per mantenere la stessa esposizione dobbiamo raddoppiare il tempo, viceversa se abbiamo bisogno di un tempo più breve di scatto, dobbiamo allargare il diaframma.





Tempo e diaframma creano anche effetti di carattere primario per la fotografia: il tempo ferma le immagini creando il “mosso”, pregi o difetti ad uso libero e creativo del fotografo; il diaframma regola la “profondità di campo” ovvero l'estensione della zona di messa a fuoco. Un diaframma aperto mette a fuoco un solo piano, un diaframma chiuso offre nitidezza di messa a fuco per una profondità maggiore, potenzialmente potremmo avere a fuoco tutto se il diaframma diventasse un sottile forellino. Non è possibile raggiungere  questi estremi, non avremmo nemmeno più bisogno di lenti e si chiamerebbero fori stenopeici, ma questo divertente fenomeno lo lasciamo a pochissimi e pazienti appassionati.





Ad ogni scatto di tempo corrisponde uno di diaframma e questo spazio è comunemente detto in gergo “stop”, anche i flash e qualsiasi mezzo del modo della fotografia ragionano sempre per “stop”. Noioso, ma senza supporti tecnici non si va da nessuna parte.