Non è importante quanto aspetti, ma chi aspetti!
(Tony Curtis)



loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

10 preziosi consigli per una perfetta food photography

25-08-2015

1. Non usare il flash integrato
È importante sfruttare la luce naturale, quindi bisogna scattare la fotografia in un luogo in cui ci sono finestre e fonti luminose più che sufficienti.



2. Usare il treppiede
Il treppiede è essenziale soprattutto per il fatto che non si possono fotografare le pietanze sempre a 45° di angolo. Molte composizioni necessitano di essere riprese dall’alto, con un angolo di 90° per esprimere il meglio di se stesse.

3. Non scattare solo in cucina
Il fatto che si stia fotografando del cibo, e che dal punto di vista pratico potrebbe risultare più comodo stare in cucina, non significa che non si debba trovare una condizione luminosa o location migliore dove allestire il set fotografico.

4. Cambiare prospettiva
Il cambio di prospettiva serve anche per capire da che lato il soggetto dà il meglio di sé.



5. Ridurre l’ingombro
Quando si crea un set è facile farsi prendere la mano abbellendolo ed aggiungendo elementi, ma si rischia di esagerare.

6. Fotografare in verticale
Tendenzialmente le fotografie che si trovano sul web hanno inquadrature orizzontali ed è una cosa normale. Le foto in orizzontale vengono fuori in modo più naturale e anche le fotocamere sono molto più comode da usare in questa modalità. Tuttavia, non si deve trascurare il potenziale di una foto fatta in verticale. Permette infatti di:
- pubblicare su un blog foto di maggiori dimensioni;
- dare più slancio alla foto;
permettere una migliore visualizzazione su tablet e smartphone.

7. Chiudere l’inquadratura
È un errore che viene fatto in molti contesti, non solo quelli della food photography. Molti fotografi hanno la tendenza ad usare sempre inquadrature ampie, ovvero si ha sempre paura di tagliare il soggetto. Il soggetto viene valorizzato invece se rappresentato con un’inquadratura più chiusa.



8. Usare il teleobiettivo
Essendo i soggetti di dimensioni ridotte, è molto comodo usare dei medio-tele oppure dei veri e propri teleobiettivi.

9. Aprire il diaframma
Per fotografare il cibo è molto efficace usare lo sfocato e per fare questo bisogna usare il diaframma dell’obiettivo aperto al massimo (che consiste nel valore pi basso di f/).

10. Mantenere l’aspetto fresco dei cibi
A volte potrà capitare di metterci alcune ore a fare le composizioni e così si deve affrontare la problematica di far apparire comunque fresco il cibo fotografato. Questa condizione si può facilmente risolvere dipingendo le pietanze.