Aspettare è ancora un'occupazione. È non aspettare niente che è terribile.
(Cesare Pavese)



loader
x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
img

William Klein e l'ironia della strada

26-08-2014


La Michael Hoppen Gallery di Londra dedica una grande esposizione all’artista statunitense William Klein. La mostra raccoglie immagini di reportage, foto di moda e numerosi provini a contatto. Facile scambiare William Klein per il padre della fotografia di strada ma è una bugia. Al suo nome si lega la straight photography, tipologia di scatto che non prevede la messa in posa dei soggetti ma invita il fotografo a scendere per strada e catturare il bello del mondo così com’è. Composizioni perfette che sembrano riordinare il mondo, stampa impeccabile e uno spiccata dote per l’attimo perfetto. A rimescolare le carte in tavola ci pensa la seconda guerra mondiale. La ricerca del bello non è più permessa, provare a raccontare qualsiasi cosa in modo oggettivo è impossibile. La fotografia reagisce in maniera simile e se il mondo che conosciamo non è più possibile da rappresentare, l’artista gira la pellicola verso la sua vita, i reportage diventano testimonianze di vita privata. Robert Frank è fra i primi, a sviluppare questa tendenza testimoniata dal libro pietra miliare Les American. Il volume presenta scatti on the road che sfuggono la bellezza come la peste, raccolti nelle pagine del libro come fosse un diario privato dell’autore, scatti strappati, attaccati con lo scotch, fotografie rovinate, stampate male o coperte di note dove la cosa più importante non è la vita ma il brandello che se ne può prendere. È da qui che viene William Klein che per quanto geniale sia stato il suo operato rimane comunque un anello di una catena che non inizia ne finisce con lui. 



CHI:  William Klein

COSA:  Retrospettiva sul fotografo statunitense

DOVE:  Michael Hoppen Gallery - Londra 

QUANDO: Dal 10.07.14 al 06.09.14 


TAGS: #arte, #mostre, #fotografia,  #William Klein, #streetphotography,  #michaelhoppengallery, #straightphotography



© William Klein - Pigeons and Unchained, New York 1955



© William Klein (Courtesy Michael Hoppen Gallery) - Cine poster, Tokyo, 1961.



© William Klein (Courtesy Michael Hoppen Gallery) - Smoke and veil, Parigi, per Vogue, 1958.



© William Klein - Wings of the Hawk, New York 1955